Il borgo medioevale di Saillon

Vallese

Ravoire-vignes

Ravoire-vignes

Il poeta ha ragione: "Saillon... l'elmetto di un guerriero abbandonato nella pianura".

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto

Risalendo la valle del Rodano, tra Martigny e Sion, il leggendario passato di Saillon emerge in tutto il suo splendore alla vista del borgo. Un passato neolitico, romano e medioevale soprattutto per questo torrione dell'età di mille anni, indifferente al tempo che passa. Oggi più che mai, Saillon ci invita per la sua autenticità, i suoi vini e i suoi frutti, le sue acque termali, le sue feste medioevali, i suoi artigiani, e naturalmente per Farinet, celebre falsario di monete ed eroe popolare tanto amato, che ha qui a Saillon il suo museo, la nota passerella e la sua vigna, la più piccola al mondo, appassionatamente lavorata dai grandi della terra.

0 Commenti

Commenta questo articolo

Le caselle contrassegnate con * sono obbligatorie.

Seleziona una visione diversa per i risultati: