Derborence – La frana di Diablerets

Eboulements des Diablerets

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Alp Deborance, Wallis

Alp Deborance, Wallis

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Vallée de Derborence

Da due immense frane verificatesi nel XVIII secolo è sorto il lago della Valle della Lizerne, una valle laterale vallesana nei pressi di Ardon. L'omonima valle è una riserva naturale di selvaggia bellezza, che strega in egual misura i geologi, i botanici e gli amanti della Natura.

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
Nelle annate 1714 e 1749 dai Diablerets si staccarono due grandi frane. All'epoca quelle montagne si chiamavano Rochers o Scex de Champ - le frane erano considerate un'opera del Maligno, per cui le montagne furono ribattezzate Les Diablerets, le montagne del Diavolo. Le masse di macerie di un centinaio di metri d’altezza si riversarono su un fertile alpeggio e racchiusero il lago, che per molto tempo fu considerato maledetto, ciò che permise alla natura di crescere liberamente. La storia della frana è stata fonte di ispirazione per lo scrittore C.F. Ramuz nel suo omonimo romanzo di grande successo.

Oggi la selvaggia Valle di Derborence è una riserva naturale, l'antico bosco che si sviluppò sulle masse di detriti è considerato particolarmente speciale.

Un sogno per coloro che amano le strette e romantiche strade di montagna è il tragitto che porta a Derborence (auto privata o AutoPostale). Poco dopo Aven la strada gira nella stretta valle, particolarmente interessanti sono i tunnel con le finestre nella roccia.

Seleziona una visione diversa per i risultati: