I laghi di Lauenen: palude, lago e cascate

Gstaad

I due laghi di Lauenen con le loro ampie sponde, i prati palustri, le cinte di canneti, i ciuffi bianchi di eriofori e le abetaie scure danno vita a un paradiso unico per gli uccelli acquatici.

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
Tra rigogliosi pascoli alpini si snoda una stradina che attraverso la valle di Lauenen sale ai due laghi omonimi, a 1381 m s.l.m. I due bassi laghi alpini con le loro ampie e verdissime sponde, le torbiere color ruggine, le cinte di canneti, i ciuffi bianchi di eriofori e le abetaie scure danno vita a un paradiso unico per gli uccelli acquatici. Quassù nidificano le folaghe, i germani reali e le morette: nella regione alpina non si conoscono luoghi di cova situati a quota più alta.

Dagli anni '70 i due laghi sono protetti, come pure l'intera conca con il suo simbolo: il Geltenschuss; il torrente Gelten, infatti, si getta a più gradini oltre le pareti rocciose e tale fenomeno ha formato profondi vortici nelle rocce. Dopo il disgelo o dopo violente piogge fa mostra di sé anche la seconda cascata della valle: il Tungelschuss, dalle notevoli dimensioni.

Accesso:
Con auto o mezzi da Thun/Spiez o dal lago Lemano a Gstaad e quindi alla valle di Lauenen.

Escursioni, percorsi in bicicletta e in mountain bike

Seleziona una visione diversa per i risultati: