Intragna

Intragna, capoluogo delle Centovalli, colpisce per il viadotto ferroviario, di 80 metri di altezza, e per il campanile più alto del Ticino.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
Intragna si trova all'estremità orientale delle Centovalli su uno sperone di roccia alla confluenza dei fiumi Isorno e Melezza. È straordinario il fatto che soltanto con una funivia siano raggiungibili anche i paesi di Pila e Rasa, che fanno parte anch'essi di Intragna.

Il piccolo villaggio di Intragna è ricco di meraviglie: il museo regionale delle Centovalli e del Pedemonte con la sua interessante collezione, distribuita su tre piani e 21 locali espositivi, fornisce una visione sulla storia e le tradizioni del territorio. Questa collezione si occupa, tra l'altro, dell'antica tradizione secolare delle famiglie di abitanti di Intragna, assunti come spazzacamini presso numerosi comuni italiani ed anche incaricati della produzione di olio di noci, pane e delle tipiche calzature di stoffa, i peduli. Il museo ospita anche esposizioni temporanee di carattere o con opere di artisti locali.

Intragna è celebre soprattutto a causa del suo campanile della chiesa di San Gottardo con con i suoi 65 metri di altezza è il più alto del Ticino. La chiesa, edificata nel 1722, dedicata a San Gottardo, mostra un altare barocco con un'elegante balaustra. La chiesa e il campanile sono aperti al pubblico.

Il viadotto ferroviario, alto 80 metri, rappresenta anch'esso un'importante attrazione del luogo. In questo punto la famosa ferrovia di Centovalli attraversa il fiume Isorno. Sull'antica mulattiera Intragna-Remagliasco si incontra il grazioso ponte in pietra, il Ponte Romano. Questo ponte venne costruito nel 1578 ed è pertanto il più antico ponte della regione. Al di sotto scorre la Melezza.

0 Commenti

Commenta questo articolo

Le caselle contrassegnate con * sono obbligatorie.

Seleziona una visione diversa per i risultati: