Castelli e mura medievali di Bellinzona

Bellinzona

Ciclisti al Castelgrande di Bellinzona, Ticino

Ciclisti al Castelgrande di Bellinzona, Ticino

Bellinzona, Ticino (Svizzera)

Bellinzona, Ticino (Svizzera)

UNESCO-Castelgrande in Bellinzona 2

UNESCO-Castelgrande in Bellinzona 2

Con castelli, mura, torri, merli e portoni questa struttura di difesa non smette di stupire i visitatori.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
I tre musei dei castelli mostrano storia locale, arte, archeologia come pure esposizioni temporanee. Il singolare edificio neoclassico del Teatro Sociale mostra, rinnovato, l’antico splendore di 150 anni fa. La Galleria civica a Villa dei Cedri si trova vicino alle chiese romaniche di San Biagio e Santa Maria delle Grazie. Il restauro del monastero di Monte Carasso e la sua progettazione sono un modello di urbanistica contemporanea (Premio Wakker 1993).

Oggi principale attrazione della città, in passato i castelli medievali di Bellinzona Castelgrande, Montebello e Sasso Corbaro e la Murata costituivano un eccezionale sistema fortificato proteggendo interamente la città e chiudendo la valle del fiume Ticino. La prima citazione dell'esistenza del complesso del quale sono conservate numerose vestigia, risale all'anno 590, ma già per gli antichi romani Bellinzona era considerata un'importante linea di difesa.

Con il castello di Montebello, chiamato anche di Svitto o di San Martino, e con la più alta di Sasso Corbaro, in parte chiamata anche di Unterwalden o di Santa Barbara, questi edifici sono tra i castelli medievali meglio conservati della Svizzera e fanno parte del patrimonio dell'umanità UNESCO.

Seleziona una visione diversa per i risultati: