La Regione dei Tre Laghi

Come in molte altre regioni vitivinicole, l’estensione dei vigneti della Regione dei Tre Laghi ha avuto alti e bassi, raggiungendo l’apice a metà del Seicento, probabilmente per effetto dell’accresciuta domanda durante la Guerra dei trent’anni.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
Informazioni precise sugli sviluppi della superficie dei vigneti sono disponibili solo dalla fine del 19° secolo. Da questi dati si evince che i più di 1200 ettari coltivati a vigneto nel 1884 sono scesi a 560 all’inizio degli anni Settanta. Oggi su una superficie di 605 ettari vengono coltivati prevalentemente Chasselas, Pinot grigio e Chardonnay per quanto riguarda i vitigni bianchi, mentre il rappresentante per eccellenza dei vitigni neri è il Pinot nero.




0 Commenti

Commenta questo articolo

Le caselle contrassegnate con * sono obbligatorie.

Seleziona una visione diversa per i risultati: