Val Monastero

Grigioni

L'idilliaca Val Monastero (Val Müstair) è una sorta di piccolo mondo appartato, al di là del Passo del Forno. Con i suoi verdissimi prati e villaggi ordinati rappresenta il contraltare all'intatta natura del vicino Parco Nazionale. Gli affreschi del Monastero di San Giovanni, accolti nel patrimonio culturale mondiale dall'UNESCO, giustificano pienamente un salto nella valle, un autentico "must" per gli amanti della cultura.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto

La Val Monastero si trova nell'angolo sud-orientale dei Grigioni e si estende per più di 18 chilometri fra il Passo del Forno e l'italiana Val Venosta. Già l'arrivo attraverso il Passo del Forno è un'esperienza vera e propria. Da Zernez in Bassa Engadina la strada sale fino al valico attraversando il Parco Nazionale Svizzero. Da qui lo sguardo spazia giù nella Val Monastero e in direzione sud-est verso il gruppo altoatesino dell'Ortler (3.908 m).

Il punto più saliente dal punto di vista culturale della Val Monastero e patrimonio culturale mondiale dell'UNESCO, è il monastero benedettino di San Giovanni nella località di confine di Müstair (Münster). La chiesa del monastero risale al 775 e vanta il ciclo di affreschi più grande del mondo, dipinto attorno all'800, durante l'Alto Medioevo: un autentico gioiello dell'arte figurativa di epoca carolingia. La sequenza figurativa illustra tra l'altro la decapitazione di San Giovanni Battista.

Da Santa Maria, oggi capoluogo della vallata, la strada del Passo dell'Umbrail aperta in estate conduce su fino al comprensorio sciistico estivo del Passo dello Stelvio e in Valtellina. Il passo si dipana tra molti avventurosi e stretti tornanti fino al valico posto a 2.501 m, che funge al contempo da stazione doganale svizzera.

In direzione del Passo del Forno si incontra il pacifico villaggio alpino di Valchava a 1.440 m, caratterizzato dal suo campanile barocco del XV secolo. Il museo della valle "Chasa Jaura" è un luogo magico perché è una delle case più belle della Val Monastero. Grazie ai mobili e agli attrezzi originali antichi, le sale accuratamente restaurate concretizzano il tipo di esistenza contadina e all'insegna delle attività artigianali che conducevano un tempo gli "Jauer" (gli abitanti della Val Monastero)

Estate

Una fantastica visione della Val Monastero si ottiene con la facile escursione in altura che parte dal Passo del Forno, attraversa foreste di cembri passando davanti a rifugi per poi riattraversare prati alpini e fioriti fino al piccolo villaggio di Lü (1.920 m).

Highlights

  • Monastero di San Giovanni a Müstair – in nessun luogo si sono conservati così bene gli affreschi dell'VIII secolo come qui, nel patrimonio culturale mondiale dell'UNESCO.
  • Parco Nazionale Svizzero – la più grande area protetta della Svizzera, caratterizzata da una ricchezza unica nel suo genere di fauna e flora alpine in intatti paesaggi montani.
  • Sentiero culturale delle Alpi – la grande traversata si estende per più di 650 chilometri da St. Gingolph sul Lago di Ginevra alla Val Monastero.
  • Umbrail – uno degli ultimi passi alpini con il senso dell'avventura trasmesso dalla strada stretta ed estremamente tortuosa.

0 Commenti

Commenta questo articolo

Le caselle contrassegnate con * sono obbligatorie.

Seleziona una visione diversa per i risultati: