Prima scalata - Piz Bernina

Bernina - weit und gefaehrlich war die Route der Erstbesteiger ueber den Morteratsch-Gletscher auf den Piz Bernina.

Bernina - weit und gefaehrlich war die Route der Erstbesteiger ueber den Morteratsch-Gletscher auf den Piz Bernina.

Engadin St. Moritz - Diavolezza, Pontresina, Graubünden, Schweiz

Engadin St. Moritz - Diavolezza, Pontresina, Graubünden, Schweiz

Diavolezza III

Diavolezza III

Hotel Walther

Hotel Walther

Alp Languard

Alp Languard

Diavolezza II

Diavolezza II

Engadin St. Moritz - Pontresina Hotel Saratz

Engadin St. Moritz - Pontresina Hotel Saratz

Engadin St. Moritz - Piz Palü und Piz Bernina

Engadin St. Moritz - Piz Palü und Piz Bernina

Diavolezza I

Diavolezza I

Diavolezza - Piz Palü

Diavolezza - Piz Palü

Engadin St. Moritz - Pontresina - Ausblick Restaurant Languard

Engadin St. Moritz - Pontresina - Ausblick Restaurant Languard

Pontresina Hotel Walther

Pontresina Hotel Walther

Engadin St. Moritz - Pontresina Eiskletter-Schlucht

Engadin St. Moritz - Pontresina Eiskletter-Schlucht

Grand Hotel Kronenhof, Pontresina

Grand Hotel Kronenhof, Pontresina

Camping Plauns Pontresina

Camping Plauns Pontresina

"Alle 6.00 di sera eravamo sulla tanto agognata vetta, su un pezzo di terra mai calpestato da essere umano, sul punto più alto del Cantone, 4052 m s.l.m."

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
Il 13 settembre 1850, il 28enne Johann Coaz e i suoi compagni di cordata raggiungono la cima più alta dell’Engadina svizzera e della Valtellina italiana. Poiché il punto culmine del Cantone dei Grigioni, la cui altezza misurata oggi è di 4048.6 m, non ha ancora un nome, Coaz lo chiama Piz Bernina.

1922: in occasione del 100° della nascita di Coaz, membro onorario del CAS, la Sezione Bernina colloca una targa commemorativa in onore del primo scalatore del Bernina. Nel 1926, viene inaugurata la Chamanna Coaz alla fine della Val Roseg. Per contro, si può cercare invano un Piz Coaz sulla cartina della Svizzera. Poco prima della sua morte, Coaz ricorda: "Il secondo giorno dopo la scalata sono andato a Samaden e al circolo ho comunicato ai miei conoscenti l’avvenuta scalata del Bernina, ma sono stato accolto da sorrisini d’incredulità, perché il Bernina era considerato inviolabile. Solo prima del villaggio, là dove adesso c’è l’Hotel Bernina, sono riuscito a convincere gli uomini che la scalata del Bernina era cosa fatta, mostrando loro con il cannocchiale la bandiera che sventolava sulla vetta del Bernina."

Seleziona una visione diversa per i risultati: