Osservazione degli animali selvatici del Parco Ela

A metà estate, Toni Cavelti, cacciatore e responsabile della gestione della fauna selvatica, organizza tutti i giovedì sera un’escursione per l’osservazione dei cervi della Val Tuors. A Savognin, il visitatore ha la possibilità di accompagnare la guida e cacciatore Sep Antona Bergamin tutti i... più

Chillon

Trail con arrampicata di un torrente...

L’altro modo di praticare il canyoning. Divertimento e un’avventura spumeggiante sono gli ingredienti garantiti da questo tour che può durare una... più

Trail con arrampicata di un torrente di montagna
Capre dal collo nero del Vallese

Capre dal collo nero del Vallese

Nessuno sa se le origini di questa antica razza del Vallese sono da ricercare in Africa o se essa deriva piuttosto dalla capra selvatica italiana –... più

Osservazione degli animali selvatici del Parco Ela

A metà estate, Toni Cavelti, cacciatore e responsabile della gestione della fauna selvatica, organizza tutti i giovedì sera un’escursione per l’osservazione dei cervi della Val Tuors. A Savognin, il visitatore ha la possibilità di accompagnare la guida e cacciatore Sep Antona Bergamin tutti i venerdì dall’alba per andare a osservare gli animali selvatici della Val d'Err.

Trail con arrampicata di un torrente di montagna

L’altro modo di praticare il canyoning. Divertimento e un’avventura spumeggiante sono gli ingredienti garantiti da questo tour che può durare una mezza o un’intera giornata nel Narrenbach nei pressi di Zwischenflüh. Si tratta di percorrere un tranquillo torrente di montagna in compagnia di una guida esperta della zona. Il materiale d’arrampicata necessario viene messo a disposizione sul posto. È preferibile prevedere degli abiti di ricambio e scarpe asciutti, che saranno trasportati direttamente al luogo di destinazione.

Capre dal collo nero del Vallese

Nessuno sa se le origini di questa antica razza del Vallese sono da ricercare in Africa o se essa deriva piuttosto dalla capra selvatica italiana – tuttavia, le sue caratteristiche sono riconosciute fino ai nostri giorni. Un tempo, le capre metà nere, metà bianche, dal corpo robusto, popolavano essenzialmente il Basso Vallese. Questo simpatico animale, chiamato anche "capra dei ghiacciai" fa parte del progetto di salvaguardia delle specie di ProSpecieRara.