Vostra scelta: 48 Risultati

Zoo di Zurigo - Soccorso alle specie a rischio

Circa 4.000 animali rappresentano i loro simili in libertà. Centro di tutela per la natura impegnato in programmi di riproduzione internazionali e progetti di reinsediamento. Mondi animali nei quali immergersi completamente: sono racchiusi nello Zoo di Zurigo. più

Chillon

Museo di Storia naturale di Ginevra

Nel percorrere i 2 km di corridoi, distribuiti su 4 piani, si incontrano più di 3500 tra mammiferi, uccelli, vertebrati e invertebrati e molte... più

Museo di Storia naturale di Ginevra
Augusta Raurica, la città romana

Augusta Raurica, la città romana

I romani allevavano maiali lanosi allo stato brado, chiamavano talvolta i loro cavalli libertini e filtravano i residui speziati dal loro vino... più

Zoo di Zurigo - Soccorso alle specie a rischio

Circa 4.000 animali rappresentano i loro simili in libertà. Centro di tutela per la natura impegnato in programmi di riproduzione internazionali e progetti di reinsediamento. Mondi animali nei quali immergersi completamente: sono racchiusi nello Zoo di Zurigo.

Circa 4.000 animali rappresentano i loro simili in libertà. Centro di tutela per la natura impegnato in programmi di riproduzione internazionali e progetti di reinsediamento. Mondi animali nei quali immergersi completamente: sono racchiusi nello Zoo di Zurigo.

Museo di Storia naturale di Ginevra

Nel percorrere i 2 km di corridoi, distribuiti su 4 piani, si incontrano più di 3500 tra mammiferi, uccelli, vertebrati e invertebrati e molte specie imbalsamate di fauna locale, esotica e marina.

Uno dei più moderni musei di Storia naturale d'Europa.

Augusta Raurica, la città romana

I romani allevavano maiali lanosi allo stato brado, chiamavano talvolta i loro cavalli libertini e filtravano i residui speziati dal loro vino prima di berlo. Per lo meno accadeva di sicuro ad Augusta Raurica, la città romana meglio conservata a nord delle Alpi.

I romani allevavano maiali lanosi allo stato brado, chiamavano talvolta i loro cavalli libertini e filtravano i residui speziati dal loro vino prima di berlo. Per lo meno accadeva di sicuro ad Augusta Raurica, la città romana meglio conservata a nord delle Alpi.