Da St-Gingolphe al Passo Châtelard

Storie di confine: tappa I

La partenza è fissata dalle rive del Lago Lemano, poi si prosegue lungo il confine con la Savoia, attraverso le Portes du Soleil, intorno alla Val dʼIlliez fino alla diga di Emosson e poi già fino al collegamento ferroviario e stradale da Martigny a Chamonix verso il Monte Bianco. Place Storie di confine: tappa I

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto

Descrizione

Salita attraverso la Tal der Morge fino alle catene montuose franco-svizzere delle Portes du Soleil, un comprensorio che in inverno è un autentico paradiso per gli sciatori e in estate fa la gioia degli appassionati di mountain bike. Dietro la valle, sul Col de Cou si passa davanti alla stazione di censimento degli uccelli migratori e attraverso i Dents Blanches (da non confondere con il Dent Blanche nella Val dʼHérens), percorso impervio che conduce al Mont Ruan, ai Sauriersputen e alle dighe di Emosson. Si attraversa la Valle della Barberine e si scende fino a Châtelard, stazione di confine della ferrovia a scartamento ridotto e della strada per Chamonix.

Vista dettagliata

Visualizza 3D escursioni mappa Scarica le coordinate GPX Scarica KMZ (GoogleEarth)

Altimetrie

Altimetrie

Affinché l’escursione sia gradevole, è importante effettuare un’accurata pianificazione del tour. Prima di intraprendere l’escursione, informatevi presso il centro informazioni locale sullo stato del percorso e le condizioni meteo. Questo itinerario escursionistico può essere chiuso o interrotto a seconda della stagione e delle condizioni atmosferiche.

Seleziona una visione diversa per i risultati: