Commemorazioni delle battaglie storiche

Switzerland

Morgarten (ZG e SZ):
15 novembre 1315, vittoria dei Cantoni primitivi sugli Asburgo.
Ricorrenza: 15 novembre.

Sempach (LU):
9 luglio 1386, vittoria dei Cantoni primitivi sugli Asburgo.
Ricorrenza: il lunedì successivo al 4 luglio

Näfels (GL):
9 aprile 1388, vittoria di glaronesi, urani e svittesi sugli Asburgo.
Ricorrenza: 1° lunedì di aprile.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
La storia della nascita della Confederazione Svizzera è caratterizzata da battaglie decisive a difesa dell'alleanza stretta nel 1291. La serie di vittorie ha inizio a Morgarten nel 1315 e termina con la sconfitta di un esercito mercenario presso Marignano (Italia settentrionale) nel 1515. In molti campi di battaglia il giorno dell'anniversario si svolge una cerimonia in ricordo dell'evento e delle vittime. Queste commemorazioni in origine avevano anche un carattere religioso, poiché si pregava per l'anima dei caduti; successivamente, soprattutto nel XIX secolo, sono prevalse le motivazioni patriottiche. Oggi tali celebrazioni sono momenti di riflessione, per gettare uno sguardo al passato ma anche al futuro, in un periodo così concitato.

I festeggiamenti di Morgarten e Sempach presentano molte similitudini. Tra gli aspetti comuni figurano la lettura del documento della battaglia, discorsi religiosi e politici e la commemorazione dei defunti, il tutto contornato da musica e da una salva di ricordo. A Morgarten colpisce la marcata presenza militare, a Sempach la presenza di un gruppo di studenti ad indicare il forte impegno profuso dai giovani del mondo accademico nel XIX secolo per far ritornare in auge la rievocazione.

La passeggiata di Näfels è un segno dell'uguaglianza che la minoranza cattolica gode da tre secoli nel Cantone di Glarona. Mentre i cattolici procedendo in processione si spostano sul luogo della commemorazione e successivamente verso il monumento della battaglia, i protestanti si aggirano in ordine sparso intorno alle lapidi.

Nell'occasione, i discorsi sono tenuti alternativamente da un sacerdote cattolico o da uno protestante. Questa forma paritetica della celebrazione però è stata introdotta appena nel 1844 dopo lunghi contrasti.



0 Commenti

Commenta questo articolo

Le caselle contrassegnate con * sono obbligatorie.

Seleziona una visione diversa per i risultati: