ViaValtellina

Sulle tracce del vino

Una secolare via di mulattieri conduce dall’Austria via Svizzera all’Italia. Quattro delle sue tappe si trovano in Svizzera: tra Pontresina e Tirano, alta montagna e atmosfere mediterranee si danno il cambio.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
1° giorno:
Pontresina-Alp Grüm (21 km): il percorso segue le orme dei mulattieri che ai tempi trasportavano il vino della Valtellina oltre il Passo fino in Engadina. La tappa è impegnativa, quindi un viaggio a bordo del Bernina Express lungo il Patrimonio UNESCO Albula/Bernina è un’alternativa. Dopo la salita a piedi o in treno, l’Albergo Ristorante Alp Grüm invita sulla sua terrazza al sole.

2° giorno:
Alp Grüm-S. Romerio (18 km): la discesa dall’Alp Grüm segue storiche mulattiere fino al centro quasi cittadino di Poschiavo. Le marmitte glaciali e le forre di Cavaglia sono una suggestiva testimonianza dell’ultima Era glaciale, quando il ghiacciaio del Palü plasmò questo affascinante paesaggio. La Via Valtellina costeggia di continuo la grandiosa tratta della Ferrovia retica, che appartiene ai Patrimoni UNESCO dal 2008. Dietro Poschiavo si sale ancora per San Romerio, pittoresco insediamento alpestre.

3° giorno:
S. Romerio–Tirano (I, 12 km): molto in alto sopra la Val Poschiavo, arcaici boschi di montagna, tradizionali alpeggi e misteriosi sentieri del contrabbando caratterizzano lo scenario di questa tappa fino a toccare l’italiana Roncaiola, da dove la Via Valtellina si snoda tra i vigneti verso Tirano.

Attrazioni & idee

  • Il sentiero costeggia spesso la tratta ferroviaria, che è stata dichiarata Patrimonio UNESCO
  • Il giardino Ricola a Pontresina mostra le virtù delle 13 erbe contenute nelle famose caramelle
  • A Pontresina si consiglia l’Hotel Albris. La torta engadinese ha oltre 60 anni di tradizione
  • Sull’Alp Grüm l’Hotel Belvedere invita a una piacevole sosta e serve specialità locali
  • Il viadotto elicoidale di Brusio è un simbolo e fa sì che il treno superi il forte dislivello
  • I ristoranti regionali offrono il celebre vino della Valtellina, che dà il nome all’itinerario



Seleziona una visione diversa per i risultati: