Collezione Baur: tesori d'arte dall'Estremo Oriente

Genève

A1 - Dir Perly

A1 - Dir Perly

Route des Jeunes, Les Acacias, en direction de Carouge

Route des Jeunes, Les Acacias, en direction de Carouge

Pont de la Machine

Pont de la Machine

Genève City

Genève City

A1 - Perly

A1 - Perly

Route de Meyrin

Route de Meyrin

A1 - Meyrin dir. Lausanne

A1 - Meyrin dir. Lausanne

Tunnel 1

Tunnel 1

La Terrasse

La Terrasse

Tunnel 2

Tunnel 2

Tunnel 3

Tunnel 3

Tunnel 4

Tunnel 4

Alfred Baur ha scoperto il proprio amore per l'arte durante i suoi viaggi in Estremo Oriente. Nel corso di quattro decenni ha acquistato oggetti d'arte e di culto di elevatissima qualità, provenienti da Cina e Giappone. Oggi la collezione Baur è una delle più preziose della Svizzera.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
Alfred Baur, residente a Ginevra a partire dal 1900, in occasione dei suoi viaggi commerciali raccolse in un arco di 45 anni oggetti d'arte dall'Estremo Oriente che riassumevano mille anni di storia. Soprattutto oggetti in ceramica e alcuni in giada, tabacchiere e stampe giapponesi, netsuke (figurette intagliate), mobili e spade.

Poco prima della sua morte Baur acquistò una dimora gentilizia a Ginevra, nelle vicinanze del Musée d'Art et d'Histoire e dell'Église Russe (la chiesa russo-ortodossa), per rendere accessibile al pubblico la sua collezione trasformandola in fondazione. Nel 1964 la "Fondazione Alfred e Eugénie Baur-Duret" inaugurò la collezione Baur, che da allora è cresciuta fino a disporre di 9.000 oggetti d'arte, grazie a numerose donazioni.

0 Commenti

Commenta questo articolo

Le caselle contrassegnate con * sono obbligatorie.

Seleziona una visione diversa per i risultati: