Collezione Baur: tesori d'arte dall'Estremo Oriente

Genève

Genf: Route de Meyrin

Genf: Route de Meyrin

Genf: La Terrasse

Genf: La Terrasse

Genf

Genf

Genf: A1 - Vengeron - dir. Lausanne

Genf: A1 - Vengeron - dir. Lausanne

Genf: Pont de la Machine

Genf: Pont de la Machine

Genf: A1 - La Praille dir Acacias

Genf: A1 - La Praille dir Acacias

Genf

Genf

Genf: Lac Leman, depuis le Vengeron

Genf: Lac Leman, depuis le Vengeron

Genf: Route des Jeunes, Les Acacias, en direction de Carouge

Genf: Route des Jeunes, Les Acacias, en direction de Carouge

Genf: Tunnel

Genf: Tunnel

Alfred Baur ha scoperto il proprio amore per l'arte durante i suoi viaggi in Estremo Oriente. Nel corso di quattro decenni ha acquistato oggetti d'arte e di culto di elevatissima qualità, provenienti da Cina e Giappone. Oggi la collezione Baur è una delle più preziose della Svizzera.

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
Alfred Baur, residente a Ginevra a partire dal 1900, in occasione dei suoi viaggi commerciali raccolse in un arco di 45 anni oggetti d'arte dall'Estremo Oriente che riassumevano mille anni di storia. Soprattutto oggetti in ceramica e alcuni in giada, tabacchiere e stampe giapponesi, netsuke (figurette intagliate), mobili e spade.

Poco prima della sua morte Baur acquistò una dimora gentilizia a Ginevra, nelle vicinanze del Musée d'Art et d'Histoire e dell'Église Russe (la chiesa russo-ortodossa), per rendere accessibile al pubblico la sua collezione trasformandola in fondazione. Nel 1964 la "Fondazione Alfred e Eugénie Baur-Duret" inaugurò la collezione Baur, che da allora è cresciuta fino a disporre di 9.000 oggetti d'arte, grazie a numerose donazioni.

Seleziona una visione diversa per i risultati: