Schmelzra S-charl e Museo dell’orso

S-charl

Scuol: Hotel Belvédère

Scuol: Hotel Belvédère

Scuol: Schlivera

Scuol: Schlivera

Scuol: S-Charl

Scuol: S-Charl

Scuol: Motta Naluns - Mit Blick Richtung Piz Champatsch

Scuol: Motta Naluns - Mit Blick Richtung Piz Champatsch

Zernez: Kirchturm

Zernez: Kirchturm

Bos-cha › West: Richtung Westen

Bos-cha › West: Richtung Westen

Bos-cha › Ost

Bos-cha › Ost

Bos-cha: Blick in den Himmel

Bos-cha: Blick in den Himmel

Guarda: Chamonna Tuoi SAC

Guarda: Chamonna Tuoi SAC

Bos-cha: Richtung Süden

Bos-cha: Richtung Süden

Bos-cha: Richtung Süden

Bos-cha: Richtung Süden

Fetan: Ftan

Fetan: Ftan

Fetan: Ftan

Fetan: Ftan

Vulpera: Scuol

Vulpera: Scuol

Tarasp: Schloss

Tarasp: Schloss

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
Il museo mostra (da giugno a ottobre) come, per 300 anni, gli abitanti delle montagne del Mot Madlain hanno estratto il minerale a mano per fonderlo (il nome "Schmelzra" deriva dal tedesco "Schmelzen", che significa fondere) nella valle e ricavarne argento e piombo, due materie assai apprezzate. Gli utensili e il materiale rotabile dell’epoca danno un’impressionante panoramica della vita dei minatori e degli abitanti della zona. Inoltre, è presente un’esposizione permanente sugli ultimi orsi abbattuti in Svizzera.

Seleziona una visione diversa per i risultati: