La città, tra lago e vigneti

Ginevra Regione

Pont de la Machine

Pont de la Machine

Geneva, Switzerland

Geneva, Switzerland

La Terrasse

La Terrasse

Genève City

Genève City

Genève Varembé

Genève Varembé

ICC Panorama

ICC Panorama

Geneva Hotel Eden

Geneva Hotel Eden

Novità eccitanti e piacevoli tradizioni.

Accanto a innumerevoli altri meriti Ginevra si è conquistata la fama di metropoli gastronomica. 7 grandi ristoranti della città e del Cantone compaiono nella famosa guida Michelin 2010 con una o due stelle. Questi stessi ristoranti sono citati nella guida GaultMillau con un punteggio che arriva a 19.
Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto

Antiche specialità ginevrine

L’entusiasmo per le novità non ha tuttavia soppiantato i piatti tradizionali: filetti di pesce persico del Lemano, longeole – una salsiccia di maiale con finocchio – o gratin di cardi. E per dessert torta di pere. Queste vecchie specialità di Ginevra si gustano ancora in varie brasserie o in osterie di quartiere, dove si servono anche altre tradizionali prelibatezze svizzere come una genuina raclette o la fondue. È risaputo che la cucina si evolve secondo i gusti dei clienti e ciò vale anche per Ginevra. Il ventaglio di proposte gastronomiche è internazionale e ogni tendenza culinaria può dirsi rappresentata. Come centro svizzero cosmopolita per eccellenza, Ginevra offre menù dai quattro punti cardinali.

2000 anni… divini

Chi ama la buona cucina, apprezza anche il vino. E Ginevra va fiera della storia millenaria dei suoi vigneti. Dai 1500 ettari nelle immediate vicinanze della città si producono ogni anno 13,5 milioni di litri di vino. Una particolarità del Cantone di Ginevra è che qui si trova il più grande comune vitivinicolo svizzero: Satigny. Le vigne della regione producono il 50% di vino bianco e altrettanto di rosso. La varietà dei vitigni è sorprendente: da Gewürztraminer e Viognier passando per il Cabernet Sauvignon fino a un incrocio interessante, il Gamaret. Tra i bianchi è lo Chasselas a farla da padrone, con le sue uve bruno-dorate e brillanti; tra i rossi la palma va al leggero e dolcemente fruttato Gamay. Altre varietà più rare e perciò più pregiate colpiscono per il loro carattere: Chardonnay, Pinot grigio, Pinot bianco, Riesling, Aligoté e naturalmente l’aristocratico Pinot nero, che morbido e inebriante ci seduce convincendoci a ritornare un’altra volta a Ginevra, un porto sicuro per gourmet e buongustai.

0 Commenti

Commenta questo articolo

Le caselle contrassegnate con * sono obbligatorie.

Seleziona una visione diversa per i risultati: