Leggende del jazz

03.-18.07.2015

© flusin FFJM

© flusin FFJM

© flusin FFJM

© flusin FFJM

© Bailly FFJM

© Bailly FFJM

© Ducrest FFJM

© Ducrest FFJM

© Bailly FFJM

© Bailly FFJM

Montreux Riviera

Montreux Riviera

“Niente è impossibile per i sognatori”, recita il motto del festival che ha fatto della vivacità il suo segno distintivo. Impregnato dei valori di un ricco patrimonio, il Montreux Jazz Festival ridisegna la sua trama con quell'amore che si suole riservare a un prezioso vinile. Lato A: tre sale a pagamento, ognuna con la sua forte personalità. Lato B: una selezione di eventi gratuiti, totalmente rimasterizzati per questa edizione.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
L’Auditorium Stravinski è un colosso acustico, di affermata reputazione. Consacrato dal passaggio di artisti leggendari, traspira le emozioni su larga scala. Fabbrica di antologie, in questo master stage riecheggiano le voci di David Bowie, James Brown, B.B. King, Keith Jarrett, Carlos Santana, Etta James, Patti Smith, Massive Attack, Björk, Radiohead, Leonard Cohen, Deep Purple e Prince…

Il Montreux Jazz Lab è una nuova piattaforma interattiva e dinamica. Un amalgama crossover di esperienze audiovisive. E dove si accalcano nuovi talenti, star del momento, vecchie glorie e big della scena mondiale. Concerti coinvolgenti di artisti fuori dal comune: in questo modo il Lab prepara alchimie inedite da testare su un pubblico curioso. E quando la temperatura sale, le cose si fanno serie: il Lab si trasforma in una provetta per musica elettronica fino alle prime ore del mattino.

Claude Nobs intendeva ricercare il suono autentico, una classe all’antica. La prossimità è la parola d'ordine del Montreux Jazz Club. Il tocco di classe del Festival: melomani e puristi “vivono un momento” di musica davvero singolare. Dai più grandi talenti e autori contemporanei fino alla nuova generazione di jazzisti (tra gli altri), il Club offre un servizio impeccabile tanto agli ospiti quanto agli strumenti, immersi in un'oscurità ovattata. E quando si improvvisano le jam session, chiudere il Club diventa davvero un'impresa impossibile…

Treni, navi e creazioni sono e restano i classici “fatti in casa” della musica in movimento, in senso proprio come in quello figurato. Essi spingono le scoperte musicali oltre le mura.
Anche "gratis", qui, è una parola d'ordine. Free stage, free clubbing, free workshop: le offerte si moltiplicano. Ebollizione popolare garantita in uno scenario naturale dei più spettacolari!

Seleziona una visione diversa per i risultati: