Il cellulare delle Alpi

Schatzalp: Parsenn

Schatzalp: Parsenn

Davos: Monstein

Davos: Monstein

Davos Platz: Davos - Bolgen

Davos Platz: Davos - Bolgen

Davos: Davoser Bergwelt

Davos: Davoser Bergwelt

Bei der Säge: Davos - Jakobshorn

Bei der Säge: Davos - Jakobshorn

Schatzalp: Parsenn Weissfluhjoch, Klosters

Schatzalp: Parsenn Weissfluhjoch, Klosters

Weissfluhjoch

Weissfluhjoch

Davos Wolfgang: Davosersee

Davos Wolfgang: Davosersee

Davos Dorf: Panorama Hubel

Davos Dorf: Panorama Hubel

Davos: Bergrestaurant JSCHALP Jakobshorn

Davos: Bergrestaurant JSCHALP Jakobshorn

Davos Platz: Davos - Golfplatz - Dischma

Davos Platz: Davos - Golfplatz - Dischma

Davos: Langlaufzentrum

Davos: Langlaufzentrum

Davos: Habitations

Davos: Habitations

Davos: Schatzalp - Schiahorn

Davos: Schatzalp - Schiahorn

Davos: Sertig

Davos: Sertig

Davos Platz: Davos - St.Johann - Rinerhorn

Davos Platz: Davos - St.Johann - Rinerhorn

Davos: Sicht vom Rinerhorn

Davos: Sicht vom Rinerhorn

Davos Platz: Davos - Eisstadion

Davos Platz: Davos - Eisstadion

Schatzalp: Davos - Parsenn

Schatzalp: Davos - Parsenn

Schatzalp: Davos - Kirchlispitzen - Sulzfluh

Schatzalp: Davos - Kirchlispitzen - Sulzfluh

Schatzalp: Davos Dorf - Weissfluhjoch

Schatzalp: Davos Dorf - Weissfluhjoch

Bei der Säge: Davos Platz - Jakobshorn

Bei der Säge: Davos Platz - Jakobshorn

Davos: Chalet Hotel Larix - Jakobshorn

Davos: Chalet Hotel Larix - Jakobshorn

Bei der Säge: Bergrestaurant Châlet Güggel Jakobshorn Davos

Bei der Säge: Bergrestaurant Châlet Güggel Jakobshorn Davos

Davos Platz: Schweizerische Alpine Mittelschule Davos

Davos Platz: Schweizerische Alpine Mittelschule Davos

Davos: View over - and the - Mountains - Parsenn and Parsenn Cablecar

Davos: View over - and the - Mountains - Parsenn and Parsenn Cablecar

L’alphorn è lo strumento nazionale svizzero per antonomasia Come si è arrivati a ciò e cosa rende così particolare il corno alpino? Ce lo racconta il costruttore di alphorn Beat Kollegger.

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto

MySwitzerland Da dove proviene la musica dell’alphorn? Qual è l'idea alla sua base? Beat Kollegger La vera origine dell’alphorn non può essere stabilita in modo univoco. Le prime indicazioni del termine risalgono al 1527 e provengono dal convento di St. Urban presso Langenthal. È chiaro: da sempre sulle Alpi gli uomini hanno suonato il corno, di legno, di corno o di osso. Precedentemente il corno alpino era uno strumento di segnalazione e dei pastori: il cellulare delle Alpi, per così dire. Si poteva comunicare per monti e valli, mettere in guardia e anche annunciare l'Alpsegen (benedizione serale). E i pastori riunivano le bestie o le tranquillizzavano con l’alphorn. Da ciò dipende anche la singolarità della musica dell’alphorn, che si compone di 15 tonalità naturali. Una di queste, il famoso Fa dell’alphorn, può essere prodotta solo con un corno alpino. I suoni dell’alphorn toccano l'animo umano e possono anche suscitare nostalgia. Per questo, una volta, nei servizi militari stranieri era vietato suonare l’alphorn. Come è diventato costruttore di alphorn? Questo non è un lavoro che si può imparare, lo si diventa semplicemente. Io di professione sono falegname e costruttore di strumenti musicali. In seguito, mi sono perfezionato come musicista e direttore d'orchestra. La combinazione di conoscenze da falegname e da musicista, naturalmente, è l'ideale per costruire alphorn. Di cosa è fatto un alphorn e come viene costruito? Ci sono tre tipi di corni alpini: il corno normale e lungo; il corto e ricurvo "Büchel" che viene suonato soprattutto nella Svizzera interna; e infine la Tiba altogrigionese (si pronuncia "Tüba") di metallo o vetro. Un alphorn è suddiviso in tre parti: una campana, una parte intermedia e un’estremità, detta anche imboccatura. La campana è curva verso l'alto affinché i suoni non siano emessi verso il terreno. Le tre parti vengono innestate insieme con guarnizioni di gomma che consentono la chiusura ermetica. All'esterno viene avvolto con un tubo di midollino; in passato si usavano corteccia o radici. Un alphorn della tonalità di Sol bemolle è lungo 3,4 m, uno in Fa 3,6 m. Per i nostri strumenti utilizziamo solo legno di abete rosso locale e abete rosso maschiato della Valle dell'Albula. La legna va tagliata poco prima del novilunio (Mondholz). Le conoscenze sulle sue straordinarie qualità sono antichissime e oggi documentate anche scientificamente. Che cosa è particolarmente importante nella costruzione di un alphorn? Ogni costruttore di alphorn ha la propria fattura. La conoscenza, in realtà, non viene trasmessa. Io investo molto tempo e riflessione nell'ottimizzazione dei nostri corni. Del resto numerosi fattori sono decisivi: intonazione, attacco e qualità del suono, spessore della parete e cono, la scelta del legno nonché l'accordatura dello strumento. Ad esempio siamo gli unici che nel calice installiamo una molla fine. Attualmente il corno alpino viene tagliato con frese CNC controllate da computer. Il resto è puro lavoro manuale, circa da 25 a 30 ore per ogni strumento. Come viene suonato un alphorn? E dove? L’alphorn si suona come una tromba, quindi con un bocchino. Pertanto viene considerato un ottone e non un legno, benché sia fabbricato in legno. La musica del corno alpino si può ascoltare alle feste dello jodel e degli alpigiani, ma anche in occasione dei festeggiamenti del 1° agosto o delle sagre dei villaggi e dei comuni. E, naturalmente, le suonatrici e i suonatori di alphorn si esercitano anche in mezzo alla natura. Lo strumento viene suonato in assolo, in duo, in trio, in quartetto o in sestetto. Qual è la musica per alphorn che preferisce? Quella melodica. Oggi il corno alpino non è più usato solo come nostalgico strumento tradizionale, ma anche nel rock, nel pop o nel jazz. E dagli anni ‘70 si usa persino come strumento da concerto. La suonatrice di alphorn professionista Eilana Burki , ad esempio, suona jazz, tango o ritmi latini. Trovo positivo che l’alphorn faccia ingresso nella musica moderna. Anche se, personalmente, preferisco le melodie classiche originarie. Chi sono gli acquirenti di alphorn? Tutti coloro che traggono gioia dai suoi suoni naturali. Possono essere suonatori professionisti, ma anche privati, giovani e vecchi. Ad esempio, il clown Roli (Roli & Gaston) del circo Nock fa parte della mia cerchia di amici e clienti. Quanti alphorn costruisce all'anno e quanto costano?? Da 10 a 20 pezzi. Il prezzo di un alphorn varia tra i 2500 e i 3000 franchi svizzeri.

Vende i suoi strumenti anche all'estero? Sì, in parte. Solo poco tempo fa abbiamo consegnato un alphorn all'Ambasciata Svizzera in Indonesia. La Svizzera, tuttavia, rimane il nostro mercato principale. Le migliori referenze sono certamente l'elevata qualità dei nostri strumenti, il livello di prezzo e, infine, l'onestà negli affari.

Seleziona una visione diversa per i risultati: