Zytturm: storica torre dell’orologio

Lucerna

Vignes

Vignes

Bucher & Schmid Bootswerft AG, Luzern - Blickrichtung Nord

Bucher & Schmid Bootswerft AG, Luzern - Blickrichtung Nord

Luzern Hafen, Landungsbrücke 3 der SGV

Luzern Hafen, Landungsbrücke 3 der SGV

Luzern - Die Stadt. Der See. Die Berge.

Luzern - Die Stadt. Der See. Die Berge.

Mount Pilatus Panorama

Mount Pilatus Panorama

Kapellbrücke Luzern

Kapellbrücke Luzern

Stadt Luzern, Kasernenplatz

Stadt Luzern, Kasernenplatz

A2 Luzern-Kriens / Luzern-Süd Richtung Basel

A2 Luzern-Kriens / Luzern-Süd Richtung Basel

A2 / A14 Rotsee Richtung Luzern

A2 / A14 Rotsee Richtung Luzern

Dampfschiff Vierwaldstättersee, Luzern

Dampfschiff Vierwaldstättersee, Luzern

A2 / A14 Rotsee Richtung Zug

A2 / A14 Rotsee Richtung Zug

Seebecken Luzern

Seebecken Luzern

Luzern

Luzern

Luzern, Hausberg Pilatus

Luzern, Hausberg Pilatus

Luzern, Waldstätterstrasse by onlineumfragen.com

Luzern, Waldstätterstrasse by onlineumfragen.com

La Zytturm (torre dell’orologio) è una delle nove torri delle mura cittadine di Lucerna. Sulla facciata due giganti reggono il quadrante del suo antico orologio. All’interno si trovano altri nove storici orologi di torri.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Group Activities

Lingua:
de, en, fr, it

Durata:
1/2 giorno

Persons:
1 - 15

Costi:
Si

Stagione:
Estate

Condividi contenuti

Grazie per il tuo voto
Sin dal tardo Medioevo, l’orologio della Zytturm ha diritto al primo rintocco: suona infatti un minuto prima rispetto a tutti gli altri orologi pubblici di Lucerna. Da sempre, inoltre, viene caricato ogni giorno dal giudice del tempo. Fino al 2011, per ben 50 anni, l’orologiaio cittadino Jörg Spöring ha rivestito questa carica, collezionando intanto altri nove storici orologi di torri della regione. Ora sono esposti all’interno della torre, sulle sei scricchiolanti piattaforme il cui legno più vecchio risale al 1403.

Gli orologi portano nomi stravaganti come Lieli, Horwer o Moosmatt e sono stati realizzati tra il XVI e il XX secolo. Quindi documentano anche la storia dell’arte orologiera: in principio erano abili fabbri a costruire orologi in ferro, poi venne l’epoca delle manifatture orologiere e alla fine del XIX secolo iniziò il periodo di massimo splendore della produzione industriale.

L’esposizione è visitabile tutti i giorni dalla primavera all’autunno. L’ingresso è libero.

0 Commenti

Commenta questo articolo

Le caselle contrassegnate con * sono obbligatorie.

Seleziona una visione diversa per i risultati: