Giornata del patrimonio orologiero

La Chaux-de-Fonds e Le Locle

La Chaux-de-Fonds: Le Pod

La Chaux-de-Fonds: Le Pod

La Chaux-de-Fonds

La Chaux-de-Fonds

Aéroport les Eplatures OUEST

Aéroport les Eplatures OUEST

Gli orologi svizzeri sono molto più che un bene di lusso. Lo può vedere chiunque si rechi a La Chaux-de-Fonds e Le Locle, nel Giura di Neuchâtel, in occasione della Giornata del patrimonio orologiero. Scoprendo i segreti di quest’arte.

Per la vista dettagliata cliccare sulla carta

Condividi contenuti

  • E-mail
  • Print
Grazie per il tuo voto
Nel XIX secolo i paesaggi urbani di La Chaux-de-Fonds e Le Locle furono plasmati dall’industria orologiera e per questo, nel 2009, sono stati dichiarati dall’UNESCO Patrimonio dell’umanità. Se ne comprende con chiarezza il motivo nella Giornata del patrimonio orologiero, quando laboratori e manifatture aprono le porte al pubblico. I visitatori vedono da vicino cosa si cela nel piccolo e preciso accessorio che è valso alla Svizzera la fama mondiale.

Incisioni, cinturini in pelle, pietre preziose incastonate, lucidature, meccanismi complessi: per raggiungere la perfezione elvetica è richiesto il lavoro di numerosi specialisti, che uniscono secoli di antica tradizione a un infaticabile spirito d’innovazione. Tutto l’anno inoltre vale la pena visitare i due Musei dell’orologio e partecipare alle visite guidate delle cittadine, alla scoperta di edifici storici risalenti al periodo d’oro dell’industria orologiera, quando la regione vantava metà della produzione mondiale di orologi.

0 Commenti

Commenta questo articolo

Le caselle contrassegnate con * sono obbligatorie.

Seleziona una visione diversa per i risultati: