A casa in montagna. Ospiti alla Turtmannhütte, da Magdalena e Fredy Tscherrig.

Scorri

Introduzione

Si sa, gli opposti si attraggono: l’aspro paesaggio montano del Vallese è lo scenario perfetto per l’accogliente Turtmannhütte, che domina dall’alto dei suoi 2519 metri. Magdalena e Fredy Tscherrig accolgono a braccia aperte escursionisti e alpinisti. Sia loro che i loro ospiti apprezzano la semplicità.

Turtmannhütte, Vallese

La Turtmannhütte si trova al termine dell’incontaminata Turtmanntal, nel cuore delle Alpi vallesane.

Ulteriori informazioni

Cartina

Cartina
Turtmann
Vallese
Mostra sulla cartina

Che salita!

Scorri

Sulla montagna da tre generazioni.

Come gestori del rifugio, Fredy e Magdalena si occupano giorno e notte del benessere dei loro ospiti, che accolgono alla Turtmannhütte da ben 23 anni. Il loro lavoro non ha orari fissi: spesso, preparano la colazione e i thermos per gli alpinisti già alle quattro di mattina.

Magdalena e Fredy Tscherrig

Il loro momento preferito come gestori del rifugio?

Quando gli escursionisti raggiungono il rifugio accaldati e ordinano una birra fresca o un bicchiere di vino bianco. Alla Turtmannhütte la corrente elettrica è poca, quindi la bevanda non è fredda come si vorrebbe. E gli ospiti? La apprezzano ugualmente.

È proprio questa semplicità che mi piace così tanto.
Magdalena Tscherrig, gestrice del rifugio

Al rifugio occorre svolgere diversi lavori.

Prendere le prenotazioni, coordinare gli acquisti, cucinare, pulire, rifare i letti, preparare la torta della Foresta nera. È una specialità della casa da non perdere assolutamente. Fredy e Magdalena Tscherrig e il loro piccolo team sono molto affiatati. I compiti sono distribuiti in modo chiaro e il lavoro fa sempre piacere anche dopo molti anni.

Una montagna ricca di storia.

La Turtmannhütte è stata costruita nel lontano 1928. Da allora è stata modernizzata più volte e ampliata nel 2000. Oggi è in grado di accogliere fino a 74 ospiti. Dal rifugio si può godere di una vista magnifica sul ghiacciaio del Turtmann e su monti imponenti quali il Bishorn, il Barrwand e il massiccio Les Diablons.

Per noi è un privilegio poter vivere e lavorare quassù.
Magdalena e Fredy Tscherrig, gestori del rifugio

Dal rifugio alla montagna.

Oltre a essere il gestore del rifugio, Fredy Tscherrig lavora anche come guida di montagna e accompagna gli ospiti alle escursioni in quota o sul ghiacciaio - soprattutto nella zona alpina attorno al rifugio.

Il Barrhorn ti chiama.

Ancora più in alto!

Il monte vicino, il Bishorn, alto 4153 metri, è considerato un quattromila facile, che può essere scalato anche da alpinisti poco esperti accompagnati da una guida di montagna. L’alternativa per gli escursionisti è il Barrhorn, una tra le cime escursionistiche più alte d’Europa. La cima, alta 3610 metri, in condizioni normali può essere scalata senza attrezzatura alpina. Dalla Turtmannhütte è possibile scalare questa montagna con un’escursione di un giorno, faticosa ma emozionante – anche senza guida di montagna.

Maggiori informazioni sul tour

La star locale: il ghiacciaio del Turtmann

Scorri

Il sussurro continuo del ghiacciaio del Turtmann.

La Turtmannhütte è aperta anche in inverno, –quando accoglie soprattutto gli appassionati di sci alpinismo. Qui una volta, nelle notti invernali, regnava il silenzio più assoluto, raccontano i Tscherrig. Il ghiacciaio del Turtmann era completamente gelato. Ora, invece, a qualsiasi ora del giorno e della notte, si sente il sussurro del ghiacciaio che si scioglie formando piccoli ruscelli e cascate. Le dimensioni del ghiacciaio sono già diminuite molto. Quando Fredy era piccolo, riusciva ad arrivare fino al Turtmannsee.

Una tazza di caffè caldo prepara all’imminente escursione.

La magia del mattino.

Nei giorni di bel tempo e nei fine settimana, nella Turtmannhütte ferve l’attività. La famiglia Tscherrig è in piedi dalla mattina presto fino alla sera.

Al rifugio, le ore che preferisco sono quelle del mattino.
Fredy Tscherrig, gestore del rifugio

La montagna ti chiama.

«Dopo la colazione, regna l’atmosfera tipica delle partenze: gli ospiti non vedono l’ora di affrontare l’imminente escursione. Questa energia è semplicemente unica», racconta entusiasta Fredy – e si rimette al lavoro felice.

Escursioni intorno alla Turtmannhütte.

Un rifugio, tante possibilità. La salita al rifugio è facile e può essere abbinata a un’escursione attraverso la Turtmanntal. L’itinerario più veloce per raggiungere il rifugio parte dal parcheggio Vorder Sänntum e dura circa 2 ore.

  • 3610 m s.l.m. Questa è l’altezza del Barrhorn esterno, una delle mete preferite per le escursioni.
  • 7-8 ore Durata della salita e della discesa dal Barrhorn partendo dalla Turtmannhütte.
  • 9 km, 1100 m Salita e discesa sono lunghe 4,5 chilometri ciascuna, con un dislivello di circa 1100 metri (dalla Turtmannhütte).
  • 2-3 giorni È la durata ideale di un’escursione nella Turtmanntal e sul Barrhorn.

Altre avventure