Plié e neve fresca.

Scorri

Introduzione

Aveva davanti a sé una carriera come prima ballerina sui palcoscenici del mondo. Ma la nostalgia delle escursioni di sci d’alpinismo tra le montagne vallesane ha prevalso. Ora Stephanie Schelling concilia i due hobby apparentemente agli antipodi.

Lötschental

La zona sciistica Lauchernalp, autentici villaggi del Vallese, il paesaggio romantico e selvaggio: la Lötschental viene ancora considerata una meta segreta tra gli appassionati del freeride e dello sci d’alpinismo. 

Ulteriori informazioni

Cartina

Cartina
Lötschental
Vallese
Mostra sulla cartina

Passione per il ballo e la neve

Stephanie Schelling balla dall’età di cinque anni e insegna danza moderna e classica. Nel suo tempo libera sostituisce le scarpe da danza con gli scarponi da sci per dedicarsi alla sua seconda grande passione: lo sci fuoripista e le escursioni fuoripista.

La vicinanza alla natura, l’aria tersa, la libertà: questo è ciò che amo dello sci d’alpinismo.
Stephanie Schelling

Sogno invernale senza fine

I cristalli di neve luccicano, nessuna traccia sulla coltre di neve. Stephanie inizia ad avvertire sensazioni euforiche: già solo il pensiero dei pendii di neve fresca rilascia in lei ormoni della felicità. Scia da quando ha cinque anni, dall’adolescenza preferisce il fuoripista alla ricerca della perfetta neve fresca. Il paesaggio montano intorno a dove vive le offre innumerevoli opportunità.

Quasi atterrata sui palcoscenici del mondo

La passione di Stephanie per la neve fresca non è minore di quella per la danza. Da piccola seguì l’esempio della sorella maggiore nella danza classica. Casualmente ebbe l’occasione di esibirsi presso la Tanz Akademie Zürich e ottenne subito uno degli ambiti posti per la formazione. Le si spalancarono le porte per i grandi palcoscenici del mondo.

Come ogni bambina, sognavo di diventare un giorno prima ballerina.
Stephanie Schelling

Stephanie rimase presso la famosa scuola di danza a Zurigo per un anno. Ma la formazione era un po' troppo rigida per i suoi gusti. I durissimi allenamenti nella fabbrica di talenti le hanno quasi tolto la gioia di danzare. Stephanie tornò nel Vallese. Ma non abbandonò la danza. Anzi: iniziò a insegnare danza classica e moderna. E continua a danzare in prima persona ancora oggi.

A Zurigo mi mancavano tantissimo le montagne vallesane e la neve.
Stephanie Schelling

Quiete, montagna e trepidazione per la partenza.

L’aria è gelida, la vista è limpida. La quiete assoluta è infranta solo dal fruscio del vento che sferza gli indumenti. Stephanie e suo marito Andreas sono sulla cima. Tutt’intorno le cime si susseguono, tutte profondamente innevate. A Sud e a Ovest si incontrano le vette maestose che toccano i 4000 metri di altitudine, molto più in basso si trova la Lötschental, sommersa dalla neve. Sembra di essere sul tetto del mondo. La vista ripaga della salita impegnativa.

Tozzi scarponi da sci, uno zaino pesante, ampi sci, freddo polare, proprio l’opposto di ciò che caratterizza la danza? Stephanie non la pensa così. Gli eleganti passi del balletto si rispecchiano nel raffinato stile di sciata e nella sensazione di carico perfetto nelle curve. La fatica dello sci le conferisce ulteriore resistenza durante il ballo.

La mattina presto giù dal letto, raggiungendo la vetta durante escursioni di sci d’alpinismo in paesaggi incontaminati e profondamente innevati, questa è la giornata invernale perfetta per Stephanie. E poi il momento clou: una discesa sfrenata nelle nuvole di neve fresca. Stephanie e Andreas scendono a valle a gran velocità. Espressioni di gioia risuonano mentre scendono a valle tra ampie curve.

Un piatto vallesano e un bicchiere di vino bianco dopo un’escursione di sci d’alpinismo, che cosa si può volere di più?
Stephanie Schelling

Una sciata soddisfacente per Stephanie non termina con l’ultima curva ma sulla terrazza assolata. Gli sguardi vanno ancora una volta alla vetta, posandosi sulle tracce che ora adornano pendii e couloir. L’adrenalina cala, subentra la soddisfazione. Rimangono un sorriso radioso sui volti e l’attesa della prossima escursione sciistica. 

Qui abbiamo davvero tutto: tanta neve, montagne alte, sole: non vorrei essere in nessun altro posto.
Stephanie Schelling