In aree naturalistiche protette

70 Risultati trovato

70 Risultati trovato

La ricerca è stata filtrata in base ai tag seguenti

70 Risultati trovato
  • Le Grand Tour des Vanils

    Il cammino che dal Grand Chalet de Rossinière porta all’ Auberge de la Croix de Fer ad Allières si snoda tra boschi e alpeggi dedicati alla produzione di formaggi, offrendo una spettacolare vista panoramica sulle cime circostanti, dal monte Dent de Corjon al massiccio di Les Vanils fino alla vetta Gummfluh.
    Maggiori informazioni su: + Le Grand Tour des Vanils
  • Erlebnisweg Glaspass

    Sul sentiero si ripercorre la storia degli smottamenti sull’Heinzenberg. Oltre al panorama su Piz Beverin e valle di Safien, dai punti di sosta si ha la vista sull’inconfondibile paesaggio caratterizzato da un’alternanza di natura e interventi umani.
    Maggiori informazioni su: + Erlebnisweg Glaspass
  • Aletsch Panoramaweg

    Tre giorni all'insegna dei ghiacciai del Vallese. Spettacolare tour con molti punti panoramici sulle due ghiacciai più lunghi delle Alpi. Le tonalità bianco-grigie delle rocce e del ghiaccio contrastano con il verde del bosco Aletschwald: un paesaggio davvero unico!
    Maggiori informazioni su: + Aletsch Panoramaweg
  • Sentiero Lago di Lugano

    Un itinerario di nove tappe alla scoperta del Sottoceneri: dalle montagne prealpine al lungolago dal carattere mediterraneo, dalla capanna in vetta al grotto fra i vigneti, si passa in rassegna il Sottoceneri in tutta la sua splendida varietà.
    Maggiori informazioni su: + Sentiero Lago di Lugano
  • Tra le paludi dello Schwägalp

    I cinque percorsi tematici del NaturErlebnispark sul monte dello Schwägalp – “Tra le paludi”, “Uomo & Natura”, “Alpeggi”, “Boschi” e “Parco geologico Steinpark” – danno importanti informazioni sulla regione. Si tratta di percorsi tematici brevi e combinabili tra loro a piacere. Il percorso tra le paludi è il più basso, sul valico dello Schwägalp.
    Maggiori informazioni su: + Tra le paludi dello Schwägalp
  • Tour des Muverans - Giro dei rifugi nelle Alpi vallesane e vodesi

    In quattro giorni, il Tour des Muverans fa il giro del Grand Muveran. Sei passi, tantissimi rifugi alpini e viste spettacolari sulle Alpi vallesane e vodesi, le imponenti Dents du Midi e il Mont Blanc: ecco cosa offre questo giro escursionistico poco conosciuto. Una vera gioia per gli escursionisti, lontano dai sentieri più battuti!
    Maggiori informazioni su: + Tour des Muverans - Giro dei rifugi nelle Alpi vallesane e vodesi
  • Chemin du Gruyère

    Escursione lungo il Lago di Montsalvens e la gola di Jaunbach. Un percorso che attraversa la pianura della Saane e che si snoda su sentieri mistici salendo al castello di Greyerz (Gruyères), visibile già da lontano. Le tentazioni sono in agguato ovunque: il cioccolato celestiale alla Maison Cailler in Broc, un formaggio leggendario a Gruyères (Pringy).
    Maggiori informazioni su: + Chemin du Gruyère
  • Tour circolare La Pierreuse

    Ai piedi della Gummfluh si trova quello che un tempo era un verde e ricco alpeggio nel cuore delle montagne calcaree del Pays d’Enhaut. La spettacolare escursione circolare unica nel suo genere attraversa parte della zona protetta più vasta della Romandie.
    Maggiori informazioni su: + Tour circolare La Pierreuse
  • Fürstin-Gina-Weg

    Nel 1989 il Principato del Liechtenstein ha messo sotto tutela la vegetazione dell’intera area alpina del Paese, esclusi i pascoli. La ricchezza e tipicità delle piante alpine saltano agli occhi lungo l’itinerario della principessa Gina, che parte da Malbun. Con l’aggiunta di splendide vedute, per esempio dalla cima dell’Augstenberg (2222 m s.m.) sui monti di Liechtenstein, Austria e Svizzera.
    Maggiori informazioni su: + Fürstin-Gina-Weg
  • Sentiero didattico sulle farfalle nel fantastico panorama di Lungern

    Nei caldi giorni d'estate, quando i raggi del sole penetrano attraverso una radura nel fitto fogliame, è molto facile osservare una farfalla chiamata "macchia del bosco", in particolare nel bosco di latifoglie. I margini dei boschi, ricchi di fiori, costituiscono un ambiente ideale per le farfalle, al punto che è possibile individuarne più di 115 varietà lungo il sentiero delle farfalle. Lungo questo percorso gli escursionisti troveranno tavole descrittive particolareggiate delle singole farfalle.
    Maggiori informazioni su: + Sentiero didattico sulle farfalle nel fantastico panorama di Lungern
  • Attraverso le gole dell’Areuse

    Il torrente Areuse attraversa la gola con un gran frastuono. Il sentiero escursionistico, creato in alcuni punti con una certa temerarietà, permette di osservare dall’alto questo spettacolo della natura. Anche nelle calde giornate estive soffia un fresco venticello.
    Maggiori informazioni su: + Attraverso le gole dell’Areuse
  • Seeland-Solothurn-Weg, Tappa 2/4

    Dalla bilingue Bienne, lungo le sponde dell’Aare, si arriva all’imponente ponte in legno di Büren. Centro medievale con numerose attrattive e, alle porte della cittadina, si estende l’area naturale protetta Häftli attorno al vecchio corso dell’Aare.
    Maggiori informazioni su: + Seeland-Solothurn-Weg, Tappa 2/4
  • Chemin de la Pierreuse

    Attraverso la terra dei baroni del formaggio, su sentieri pietrosi: l’escursione dal monte-belvedere di Videmanette fin sopra Rougement e poi, in discesa, sino a Château d’Œx costeggia i limiti dell’area protetta di La Pierreuse. Un salto all’omonima Alpe è consigliato, prima di visitare l’esposizione di mongolfiere a Château d’Œx e ammirare la raccolta di découpage su carta al museo.
    Maggiori informazioni su: + Chemin de la Pierreuse
  • Monte San Giorgio: un mare di ricordi

    Nonostante sia entrato a far parte del Patrimonio mondiale UNESCO nel 2003, il Monte San Giorgio resta quello di sempre: questa montagna custodisce fossili vecchi di 240 milioni di anni, spesso in ottimo stato. Nel Museo dei fossili di Meride si possono ammirare reperti significativi.
    Maggiori informazioni su: + Monte San Giorgio: un mare di ricordi
  • Via Capricorn

    Punto di partenza e di arrivo di questo itinerario circolare di 48km di lunghezza è Wergenstein. Per tre giorni non si è solo a contatto stretto con la natura: la zona di Safien-Rheinwald fra Piz Beverin e Alp Alperschäli è infatti abitata da una colonia di stambecchi composta da 380 esemplari. Con un po' di fortuna e di pazienza si possono osservare stambecchi maschi e femmine con i loro cuccioli.
    Maggiori informazioni su: + Via Capricorn
  • Aargauer Weg, Tappa 4/6

    Una facile escursione nei tempi passati: dalla cittadina asburgica di Mellingen fino a un'altra perla del posto, il centro storico di Bremgarten. I meandri della Reuss ci accompagneranno su tutto il cammino attraverso golene idilliache.
    Maggiori informazioni su: + Aargauer Weg, Tappa 4/6
  • Taminaschlucht Rundtour

    In questo percorso circolare che parte da Bad Ragaz, si va alla scoperta dei segreti della Gola della Tamina. Nei vecchi bagni di Pfäfers si visita la grotta della sorgente, da cui sgorga acqua calda, per poi tornare al paese di Pfäfers su un imponente ponte naturale, lungo la Porta Romana e le rovine di Wartenstein. Si segue infine il Percorso del Reno per tornare alla stazione di Bad Ragaz.
    Maggiori informazioni su: + Taminaschlucht Rundtour
  • Moorweg Rothenthurm

    L’alta Valle di Biber, la pianura fra Rothenthurm e Biberbrugg, è considerata una torbiera di particolare bellezza e di importanza nazionale. Il sentiero, ben segnalato, attraversa questa torbiera unica e tutelata, rappresentativa della protezione delle torbiere in Svizzera.
    Maggiori informazioni su: + Moorweg Rothenthurm
  • Sentiero in cresta del Giura, Tappa 15/16

    Paesaggi simili a un parco e viste grandiose sul Lago di Ginevra e sulle Alpi savoiarde sono gli elementi distintivi di questa escursione. Dal Col du Marchairuz, il Sentiero in cresta del Giura attraversa i tipici boschi della regione procedendo sempre verso sud-ovest. Tra i boschi si aprono prati fioriti dai mille colori.
    Maggiori informazioni su: + Sentiero in cresta del Giura, Tappa 15/16
  • Sentiero glaciologico del Basodino

    Questo circuito escursionistico ai piedi del ghiacciaio del Basodino offre uno scorcio su una regione straordinaria caratterizzata dai ghiacciai. Il ghiaccio ha lasciato la sua impronta in epoche geologiche diverse. Con la funivia, il ghiacciaio è facilmente accessibile dalla Val Bavona: è l’unico del Ticino.
    Maggiori informazioni su: + Sentiero glaciologico del Basodino